POMARICO, (carta geografica)    (PROVINCIA DI MATERA) Basilicata          

Pomarico (MT) (informazioni su Pomarico) 

 

L'INCIDENTE MORTALE  (l'omicidio !) progettato e programmato dai

SINDACI DI POMARICO

da ladri e mafiosi in "funzione pubblica"

dai nuovi criminali  "RAPPRESENTANTI" DELLO STATO ITALIANO a

            POMARICO, Matera, Meridione d'Italia (clicca quì per la carta geografica!)

 

dunque, dunque........

la famiglia Uricchio ha acquistato a Pomarico, in Basilicata, Italia,  una proprietà in una zona, dove con la Legge 167 doveva nascere un nuovo centro (Le coordinate:N 40°31'41.59, E 16°31'46.09)

Questo centro, dopo aver rubato e sperperato, per decenni,  tanti, anzi, tantissimi miliardi, oggi di fatto (2016 !) non esiste.

Oltre a distruggere la proprietà della famiglia Uricchio e questo "nuovo centro" (con marciapiedi, l'ammodernamento della Strada Provinciale, pali e tralicci per assediarci e per impedire qualsiasi tipo di sviluppo, abusi, furti, dispetti, incendi alla proprietà , grattacieli nella stessa zona, la rotatoria , centro commerciale - nuovo/morto, il 2014  ecc.)  il Sindaco di Pomarico e i suoi amici, per azzerare totalmente il valore  commerciale della proprietà acquistata dalla famiglia Uricchio a Pomarico e per distruggere l'intera zona, autorizzano ,di fronte alla proprietà acquistata dalla famiglia Uricchio, le case sociali e piazzano dentro una miriade di delinquenti e pregiudicati. Anche questo conflitto viene così studiato e programmato dai "nuovi governanti".

Perciò guardate !

Questa in basso  è la casa costruita dalla famiglia Uricchio a Pomarico ! (Con i soldi guadagnati lavorando all'estero !) Il Sindaco la definisce una bruttura ! Nota: Non è il massimo, però in Italia c'è ne di peggio !

                                  1         

Questo è il chiosco autorizzato il 2003 dal nuovo Sindaco ladrone, dott. Nicola Raucci,  nel nuovo centro di Pomarico. Così hanno messo anche l'accento alla destinazione urbanistica della zona per la legge 167 a Pomarico, Basilicata, Italia. Questo, a detta del Sindaco di Pomarico e dei suoi amici, è bellissimo ed è una conseguenza di una logica amministrativa italiana !

Queste sono le case sociali !

Uno dei tantissimi delinquenti,  piazzato dal sindaco Mario Mancini, nelle case sociali, è il Sig. MARCANGELO  GIACOMO,

Ripetiamo: A queste condizioni, oltre al pericolo creato con "l'ammodernamento della Strada Provinciale" il conflitto quotidiano viene  programmato dai nuovi padroni e padrini italiani (I vostri ladri e mafiosi, che di decorano con la fascia tricolore e vengono poi ricevuti dal Capo dello Stato Italiano con abbracci ed onori! Siete un peso alla Nazione, siete proprio brutta gente !).

 

Osservate per favore la foto in basso ! È stata scattata dai Carabinieri del luogo in occasione dell'incidente mortale. La situazione raffigurata è la situazione così come si presenta la zona dopo "l'àmmodernamento" della Strada Provinciale" , dopo aver presentato alla Regione Basilicata la loro variante generale Pomarico-Baracche, e al momento dell'incidente mortale ( Nota: Non esiste un marciapiede ! La "Strada ammodernata" è a linee parallele inclinate. Ci hanno rubato una grandissima parte della proprietà acquistata a Pomarico e creato, sperperando denaro pubblico,  il pericolo. Una recinzione di protezione per la proprietà della famiglia Uricchio non è concessa e nemmeno permessa dai nuovi padroni italiani. Osservate i pali per l'illuminazione pubblica della "Strada Provinciale ammodernata" ! Si trovano tutti a 3 metri oltre il limite di "sconfinamento". Si trovano abusivamente tutti sulla proprietà della famiglia Uricchio. Non esiste una atto di esproprio e non esiste alcuna comunicazione in merito, però i vigili di Pomarico denunciano Paolo Uricchio per averli imbrattati con la dicitura www.uricchio.de. E i giudici di Matera non vedono, il magistrato è cieco, Il Procuratore unico di Matera si chiama Chieco, i vertici dello Stato non rispondono e non prendono dei provvedimenti. In galera ci stanno , apparentemente, davvero solo gli innocenti. Il Sindaco di Pomarico continua a minacciare e non perde occasione per indossare tutti i giorni la fascia tricolore e a fare così salotto, insieme ai suoi amici. Così funziona oggi la mafia pubblica italiana !)

 

Intanto:

Si legge: Allegato 3/1

Foto 1 - POMARICO, rione A. Moro (S.P. Pomarico-statale "Appia"); vista del luogo del sinistro nella direzione di marcia del veicolo investitore e del pedone (Nota: Sig. Uricchio Antonio !)

Foto 2 - POMARICO, rione A. Moro (S.P. Pomarico-statale "Appia". vista più prossima del luogo del sinistro, nella direzione opposta a quella di marcia del veicolo investitore e del pedone.

 

LEGIONE CARABINIERI DI SALERNO, STAZIONE DI POMARICO

C.so GARIBALDI;1  - Tel. (0835) 551010 - C.A.P. 75016

 

OGGETTO: Verbale di sommarie informazioni rese da persona sottoposta alle indagini:

MARCANGELO Giacomo, nato a Pomarico, il 05.06.1949, ivi residente,  in via O. Leonardi palazzina A int. 2 (Nota: di fronte all'abitazine Uricchio !) operaio, tel. senza. ------------------------------------------

L'anno 1992, addi 6 del mese di febbraio in ufficio stazione Carabinieri di Pomarico, alle ore 18.30 / --------------------------------

Avanti a noi sottocritti Uff. di F.G. M/llo Antonio Morciano e App. S.U.P.G. FEDELE Giuseppe della medesima Stazione, è presente il Sig. MARCANGELO Giacomo il quale viene sentito circa l'incidente stradale avvenuto in data odierna verso le ore 14.30 circa. Lo stesso è stato reso edotto che sua facoltà nominarci un difensore di fiducia e qualora non ne avesse uno si procederà a nominarne un difensore di Ufficio. E stato reso edotto altresì che è sua facoltà non rispondere alle domande e qualora non lo facesse le indagini comunque saranno continuate. Il Sig. MARCANGELO così dichiara: -------- "Intendo rispondee alle domande che farete e nomino mie difensori di fiducua gli avvocati Carmine e Pietro RUGGI DEL FORO  di Matera. Desidero che ogni comunicazioni mi venga fatta presso la mia abitazione di Via O Leonadi di Pomarico. Si procede quindi all'acquisizione delle informazione della suddetta persona sottoposta alle indagini alla presenza dei difensori nominati.---------

DOMANDA:  Verso le ore 14,30 lei, in questa località Aldo Moro all'incrocio tra Via O. Leonardi e la S.P. Oinaruci. scorrimento veloce, mentre era alla guida di una autovettura Alfetta ha investito un passante identificato poi in URICCHIO Antonio da Pomarico . Vuole chiarire le circostaze dell'incidente ?----

RISPOSTA:  Verso le ore 14,30 odierne sono sceso da casa mia e sotto il porticato avevo parcheggiato l'Alfetta Targ. MT 111498 (Nota ! I delinquenti, apparentemente parenti del Sindaco !, ricevono anche il parcheggio sotto casa !) di propreità di COTUGNO Anna. Ho avviato l'automezzo e mi sono portato all'incrocio di via O. Leonardi con la S.P. Oinaruci-scorrimento veloce (Quindi: Davanti casa Uricchio = scorrimento veloce !) . Mi sono fermato sull'incrocio ho guardato a sinistra e dovendomi recari in direzione Pomarico-centro ho eseguito una manovra di svolta a destra. - Mentre percorrevo la strada provinciale, a qualche decina di metri vi era un pedone che camminava a circa un metro dal marciapiede nello stesso mio senso di marcia. Appena la mia autovettua è giunta nelle vicinanze del pedone  questi a eseguito un spostamento a sinistra tantao che non poteva far nulla per evitare di investirlo. All'urto l'ulomo è stato caricato sul cofano dell'autovettura sbattendo che sul parbrezza e tutto sul lato destro . Lo stesso

./. .... segue ....

Antonio URICCHIO

 

CRONOLOGIA ATTI DOLOSI

1992      Il capo famiglia, Sig. Uricchio Antonio; muore davanti casa sua, attraversando la strada costruita abusivamente e non a norma di sicurezza sulla sua proprietà. Opera realizzata  a spregio delle principali norme in materia di procedimento amministrativo e della normativa di sicurezza del settore.

 Il giorno dei funerali del capofamiglia, Sig. Uricchio Antonio, i mandanti “pubblici” mandano ad abbattere altri alberi di e sulla proprietà della famiglia Uricchio

C’era una volta uno Stato, che fondava la sua esistenza sostanzialmente sulla forza e sul coraggio dei suoi soldati. Oggi, in Italia, a Pomarico, in Provincia di Matera, in Basilicata, si fonda sull’energia criminale dei suoi amministratori. 

Per l’unità d’Italia i nostri antenati hanno combattuto al Nord come dei leoni contro gli Austriaci e al Sud contro i Borboni come delle tigri  

E dopo i leoni e le tigri sono arrivati gli sciacalli e gli avvoltoi di oggi

Il cantoniere della Provincia di Matera davanti casa Uricchio. Ha, appena  provveduto a far abbattere un'altro albero di e sulla proprietà della famiglia Uricchio. Ride con soddisfazione, certo della "copertura politica".

Non ci è stato nemmeno permesso e concessa la possibilità di dare a nostro padre un'addio in pace. Anche nel momento di lutto si sono scatenati in maniera impietosa.

Se oggi la situazione a Pomarico è sempre più disastrata, è anche molto facile individuarne i colpevoli. Tutto ciò però non avviene. Ma se è chiaro come il cristallo, che il comportamento dei vari  Sindaci a Pomarico ha indubbiamente contribuito ad un notevole degrado mentale e ad una spaccatura della comunità pomaricana. Per non parlare di tutta la Regione Basilicata.

Comunque:

Dopo l'incidente mortale, il Sindaco e i suoi amichetti,   hanno continuato con i loro "ammodernamenti"

e questa è la situazione attuale:  Rotatoria e ingresso dell'abitazione della famiglia Uricchio a Pomarico. AD 2010 ! - Dopo la "Variante Generale del 1980 !

Nota: I coni e l'altro materiale di segnaletica stradale, all'ingresso dell'abitazione Uricchio a Pomarico, sono di proprietà del Sig. Uricchio. Nonostante ciò, il Sig. Vigile di Pomarico, Antonio Donnoli, - il vice della Capra - prende a calci i birilli, perchè a detta del Sig. vigile i coni danno fastidio alla "Strada Ammodernata"

         

in basso:   Situazione A.D    2014

 

Ingresso abitazione Uricchio 09/2014. Chi si assume la responsabilità per questa situazione di sicurezza stradale ?

Situazione di sicurezza stradale a Giugno 2016: Non cambia niente ! Continuano comodamente, coperti dai loro amici,  solo a rubare e a commettere reati..

I criminali, responsabili di aver creato questa situazione, hanno qualcosa da temere ?

I giudici di Matera capiscono il problema ? Oppure vogliono continuare ad analizzare il cesso con la fascia tricolore e le attente dichiarazioni e denunce dei Vigili Urbani di Pomarico ?

Il Procuratore Capo della Procura di Matera, Dottoressa Celestina Gravina, ha avviato delle indagini ? Oppure anche questo fatto non sussiste per la Procura di Matera ?

POMARICO, Provincia di Matera, BASILICATA, ITALIA - Luglio 2017: Situazione di sicurezza stradale all'ingresso dell'abitazione privata della famiglia Uricchio. Situazione creata in decenni dalle "amministrazioni" di queste zone. Questo è il risultato di una programmazione di un nuovo Centro, realizzato con tantissimi miliardi di finanziamenti pubblici in queste zone disastrate e gestite in maniera mafiosa.

E pensare che prima di tutti questi ammodernamenti stradali italioti, prima della realizzazione della rotatoria italiota a Pomarico, prima che tutti i tecnici mafiosi, corrotti e parassiti e ancora molto prima che tutti i dottori, ingegneri, presidenti, lecchini e quant'altro - insieme al ceto guida che comanda in queste zone  - dimostrassero tutte le loro capacità pratiche ed intellettive per risolvere i problemi, la situazione urbanistica era la seguente:

Su questa foto in basso si vedono il proprietario dei terreni, Sig. Antonio Uricchio, e uno dei suoi figli mentre piantano degli alberi a recinzione della proprietà (che verranno successivamente, abusivamente,  tutti abbattuti dai nuovi padroni e padrini italioti). La foto risale al 1970. L'abitazione della famiglia Uricchio era già esistente !

 

 

 

Quanti miliardi hanno rubato per arrivare a questa situazione attuale (2014) ?

La famiglia Uricchio protesta !

 

che da  molti anni mi stanno allisciando…come si dice in gergo., con 2 millimetri di asfalto solo l'ingresso dell'abitazione Uricchio. Perchè a pochi metri è conciato così ...

Dopo l'ammodernamento della Strada Provinciale, dopo la Variante Generale del 1980 e dopo la Rotatoria, il Sindaco di Pomarico, Giuseppe Casolaro - alias Pepp d' Ciomm - comunica ufficialmente: I lavori sono terminati !  (È solo un piccolo anello in una lunghissima catena di mafiosi e mafioncelli che operano in funzione pubblica in queste zone)

Guardate ! Le foto in basso sono state scattate a Marzo del 2010 ! Sulla rotatoria !

 


Nonostante ciò, il nuovo Sindaco Ladrone e classico mafioso di queste zone, Nicola RAUCCI, scrive: nel 2003 per esempio ...(l'articolo in basso !)

POMARICO : Il sindaco su presunti abusi del potere pubblico

"Non ci sono stati mai soprusi nei confronti di quel cittadino"

MATERA - Un cittadino di Pomarico, residente in Germania, ha segnalato giorni fa presunti abusi del potere pubblico locale nei confronti della sua famiglia. Storie vecchie, non di questi anni e dell'attuale amministrazione comunale, su cui comunque l'attuale sindaco, Nicola Raucci, si sente in obbligo di fare chiarezza.

"Occorre smentire nella maniera più assoluta tutti i fatti e le circostanze narrate dal sig. Uricchio dal momento che sono false e tendenziose. Si tratta invece di una annosa controversia tra cittadino ed ente comunale che nulla ha a che vedere con fantomatici progetti imprenditoriali in relazione ai quali si asserisce che l'Amministrazione comunale avrebbe perpetrato accanitamente un disegno volto ad impedirne la realizzazione.

Agli atti del Comune, fa presente il sindaco Raucci "non risulta nulla di attinente alla costruzione di una grande palazzina con annessi locali commerciali e tanti spazi verdi intorno, ne vi è alcun progetto relativo alla costruzione di un centro polifunzionale. Vi è di contro una copiosa corrispondenza che a parere mio, testimonia la presenza di un ingiustificato quanto incomprensibile accanimento pressochè maniacale del cittadino volto a far credere che lo stesso sia stato vittima di chissà quali soprusi che sarebbero stati posti in essere in una logica diabolica continuità da parte di tutti gli amministratori che sino ad oggi si sono succeduti"

...! Il sindaco di Pomarico sottolinea che "è assolutamente grave ed intollerabile sentir dire e addirittura leggere sui mezzi di informazione (anche telematica) che l'Amministrazione abbia inteso vessare la famiglia Uricchio attraverso vari abusi".

Tra le parti, in realtà, "vi è solo un contenzioso di natura civilistica pendente dinanzi al Tribunale di Matera che mira ad accertarel'esatta collocazione catastale di una strada provinciale in relazione al quale si potrà eventualmente determinare l'eventuale sussistenza o meno di un danno a carico della famiglia Uricchio. È sul punto, considerati gli atti tecnici e amministrativi, le pretese del cittadino sono assolutamente destituite del benchè minimo fondamento giuridico".

Sulla considerazione di Uricchio secondo cui in Germania, dove risiede, "certe cose non accadono", Nicola Raucci dice di provare "un profondo risentimento toccato anche dall'orgoglio di appartenere alla nazionalità Italiana. Una dichiarazione del genere ci fa sorridere amaramente lasciandoci pensare che alla famiglia Uricchio convenga essere tedeschi quando bisogna rispettare le regole, mentre molto più utile ed opportuno essere italiani quando occorre chiedere ed ottenere il condono edilizio per le opere abusive che sono state effettivamente realizzate dal cittadino stesso"

e prosegue, scrivendo anche ai COMITES in Germania, 

 

 

Comune di Pomarico – Provincia di Matera  

Prot. N. 7160  

Pomarico, li 05.11.99  

Spettabile

COMITES

c/o Circoscrizione Consolare di

MONACO (GERMANIA)

e.p.c.

  Egregio Sig.

URICCHIO Paolo

Artur Kutscher Platz 2

80802 MONACO DI BAVIERA

(GERMANIA)

   

OGGETTO: Terreno in contrada “Serre” – Istanza del Sig. URICCHIO Paolo – comunicazione –

Riscontro la Vs. nota del 7.9.99 u.s. per comunicarVi quanto in appresso. A proposito delle doglianze rappresentate dal Vs. associato, giova preliminarmente evidenziare che, in esito all’istanza prodotta dal Sig. Uricchio Paolo con cui si assumeva, tra l’altro, che la sua proprietà avrebbe subito un’occupazione illegittima per effetto della realizzazione di un tratto di strada provinciale, questa Amministrazione, dagli atti in proprio in possesso, ha potuto constatare che quanto asserito dal medesimo cittadino risulta assolutamente destituito di fondamento. Di tanto veniva reso edetto lo stesso Uricchio (con nota n. 193 del 1.2.99) nonchè il suo avvocato (con successiva del 26.2.99 n. 998)

  Conformemente a quanto previsto dalla legge 241/90, il Sig. Uricchio veniva altresì messo in condizione di accedere e di estrarre copia di tutti gli atti inerenti la questione in oggetto che risultano in possesso dell’Amministrazione.

  Alla stregua di quanto innanzi esposto, si ritiene dunque di non avere posto in essere alcun tipo di “vessazione” ai danni del Vs. associato il quale, in ragione della propria convinzione (assunta peraltro unilateralmente) ove ritenga che siano stati lesi I propri diritti o interessi legittimi (come qualsiasi altro cittadino italiano) è libero di agire dinanzi alle autorità competenti per la tutela delle proprie ragioni  (ancora tutte da dimostrare).

  In propostito,  mi permetto di farVi notare che, anche se siamo un Comune del “Meridione”, I valori da Voi richiamati, insieme ai principi dello stato di diritto, così come il senso delle regole sono da noi pienamente condivisi ed intimamente sentiti; anzi a ns. Sommesso avviso, rappresentano la ragione fondante della “cosa pubblica”-

Per cui, il “puntuale intervento” da Voi sollecitato all’Amministrazione non può non tenere conto di questi riferimenti nello svolgimento della propria azione.  

Nel caso in specie, si ritiene di poter affermare che, a , a fronte di una richiesta avanzata dal cittadino, l’Amministrazione ha tenuto nei confronti dello stesso un legittimo qufanto leale e trasparente rapporto finalizzato a chiarire la questione di che trattasi.  

Ad ogni buon fine, resto a Vs. completa disposizione per ulteriori ragguagli in merito.  

Distinti saluti,  

Timbro: Comune di Pomarico  _ Provincia di Matera

Il Sindaco, Avv. Nicola Raucci  

Per questo sindaco ladrone del Meridione, scrivere il falso in atti d'ufficio è normale. Come è normale scrivere che la famiglia Uricchio, volendo realizzare un magazzino merci oppure un centro polifunzionale sulla proprietà acquistata a Pomarico sogna di "fantomatici progetti", che non sono in armonia con la destinazione urbanistica della zona. Mentre il CHIOSCO che nel contempo stà progettando per il suo amico nel nuovo centro di Pomarico è in perfettissima armonia con la destinazione urbanistica della zona.

LUOGO IN ITALIA DOVE GLI "Amministratori", con i soldi pubblici,  possono comodamente recare danno ai privati, commettere reati e agire in questa maniera ?  POMARICO, Provincia di Matera, Basilicata

IL RAUCCI, dopo aver anche svaligiato le casse comunali e fatto il tirocinio dal Cugino Petrachi durante la sua carica pubblica, viene premiato:

Anno 2016:  L'Ex Sindaco di Pomarico Nicola Raucci e il GAL Bradanica:  Un ladro fa carriera !

l'Italia derubata e colpita al cuore dalla nuova gentaglia

"Für die Sicherheit der Bürger zu sorgen ist höchste Priorität des Staates !"  Auch in Italien ?

Ach ja ? Dann sehen Sie sich bitte die folgende Situation an: Nach der "Modernisierung" einer Bezirkshauptstraße in Pomarico, Provinz Matera, Italien und nachdem die rechtmäßigen Eigentümer des Grundstücks ihres Eigentums durch Mafiosi der "Gemeinde" beraubt worden sind !

 LA ZONA PER LA 167  (Le coordinate: N 40°31'41.59, E 16°31'46.09)

Però non basta, perchè adesso vi facciamo vedere come è conciato Pomarico vecchio e la zona "industriale" a Pomarico. Come continuano a dividersi i suoli nella zona PIP e altrove e come continuano a fondare società fantasma per chiedere altri aiuti dello Stato e della Comunità Europea.

 

Chiederanno anche adesso altri fondi pubblici ! Dov'è il problema ?

IL PROBLEMA 

 

Per vedere la reale situazione urbanistica, il 2011,  della zona destinata a Pomarico, in Basilicata, Italia, alla  legge 167 , lo sperpero di denaro pubblico, i furti, i reati commessi dall'amministrazione di Pomarico, gli scempi, i reati commessi negli ultimi decenni  e tutto il resto/per navigare clicca quì ! Oppure: Usa Google Street View ! Le coordinate per la zona : N 40°31'41.59, E 16°31'46.09)

Guardate cosa è riuscito a fare questa gentaglia al potere a Pomarico, in Basilicata, in 50 anni e dopo tutti i furti e reati commessi ! Rimarrete davvero a bocca aperta !

 

 

PROSEGUIREMO QUESTA PAGINA CON

GLI ALTRI BENEFICIARI E COMPLICI ESECUTORI CHE OPERANO NEL SILENZIO  ...

Beneficiari

Esecutori

Amici

Ecc.

 

Tutta la storia di questa tragedia, in un prologo tre atti e un epilogo,  dovuto alla decisione della famiglia  URICCHIO di acquistare una proprietà a POMARICO (Provincia di MATERA), Meridione d'ITALIA, per voler ritornare nel paese NATIVO sul sito

WEB    http://www.uricchio.de

 

Nota: 

Però in Basilicata si permettono anche il lusso di avere una "Commissione per i Lucani all'estero" con tanto di Presidente. Costa tanti milioni di Euro all'anno e nessuno si è mai preso la briga di rispondere a questo povero emigrato, dopo innumerevoli richieste. Ma una commissione del genere a cosa serve ?

Serve per il giuramento ufficiale 

Basilicata, Italia, anno 2014

Io, come il Giudice di Matera, senza nome e cognome, giuro di aver perso ogni fiducia nelle chiacchiere e nelle istituzioni. Giuro di ....

GOVERNO ITALIANO  - Presidenza del Consiglio dei Ministri (Visita il sito !)

 

QUESTA PAGINA È IN ALLESTIMENTO !

Tutta la storia di questa tragedia, in un prologo tre atti e un epilogo, dovuto alla decisione della famiglia URICCHIO di acquistare proprietà a POMARICO (Provincia di MATERA), Meridione d'ITALIA, per tornare nel paese NATIVO sul sito

WEB http://www.uricchio.de

 

Tags: Italia, Basilicata, Pomarico, Matera, Mafia pubblica,  Incidente programmato, Incidente progettato, Sindaco mafioso, favoreggiamento, Chiosco, case popolari, case comunali. Fondi pubblici